Comune Samarate
» Visualizzazione predefinita
» Vai al menu
» Vai al contenuto
 

Testimonianze di pregio architettonico

chiesa samarate
Testimonianze di pregio architettonico

Degli antichi insediamenti di culto, scomparsa la chiesa parrocchiale del Ss. Salvatore, resta solo l’oratorio dei Ss.mi Gervaso e Protaso, ampiamente ristrutturato nel XVIII secolo, quando diviene sede della Confraternita dei “Codini”.

L’antica chiesa Parrocchiale di Verghera, costruita alla fine del ‘300 e ristrutturata in età barocca, viene poi demolita intorno al 1960 per costruire una nuova chiesa che conserva al suo interno solo alcune opere pittoriche e suppellettili antiche.

Degno di nota è l’oratorio di San Rocco. La presenza umiliata in Samarate sarebbe alle origini della fondazione di questo edificio sacro. La dedica a San Rocco è databile verso la fine del ‘400 quando il culto del santo è connesso con le ondate di peste del 1477-1485 (nei suoi pressi vi era il Lazzaretto). Ricostruita tra il 1680 e il 1720 per volere del Conte Giovanni Castiglioni, contiene ancor oggi un bell’affresco degli inizi del cinquecento e alcuni stucchi, affreschi e tele del settecento.

Della fine del settecento è la Chiesa Parrocchiale della SS. Trinità che sovrasta con la sua imponente mole la vasta e antica Piazza Grande, oggi Piazza Italia. La chiesa, costruita in stile tardo barocco dall’architetto Giulio Galloni, contiene stucchi rococò e suppellettili pittoriche dal XVI al XX secolo, tra cui spiccano i quadri di Melchiorre Gherardini e Biagio Bellotti. Tra le pitture del XX secolo vi sono gli affreschi di Mario Grandi e due pale di Gariboldi e di Rossini. L’altare barocco è in marmi policromi finemente lavorati dai Buzzi di Viggiù alla fine del Settecento. Il campanile è invece di fine ottocento.

Nella frazione di San Macario è degno di nota l’oratorio degli Angeli Custodi che presenta una facciata in laterizio con garbati accenni rococò e un interno decorato a stucchi.

La Chiesa Parrocchiale di San Macario è eretta il 19 maggio 1610 e ampliata e ristrutturata tra la fine dell’ottocento e gli inizi del novecento. All’interno conserva ricchi arredi barocchi e varie opere d’arte dal XVI al XX secolo. La torre campanaria esterna è del settecento.

Tra le costruzioni civili sono degne di nota due torrette colombere nel centro antico di Samarate di origine cinquecentesca, oggi però in cattivo stato e alcune case nobili tra cui Casa Ferrario della fine del settecento e Palazzo Piantanida poi Ferrario, di gusto tra il barocchetto e il neoclassico, oggi impoverito da mal riusciti restauri.

Il Palazzo dei Conti Archinto, conosciuto anche come Villa Sommaruga è la più interessante dimora neoclassica in Samarate, un tempo anche sede del palazzo municipale.

L’epoca a cavallo tra il XIX e il XX secolo ha in Samarate vari esempi costruttivi sia industriali (lo stabilimento ex Orlandi ora Gloria Artec e l’ex Cusini ancora ben conservati) che civili, come la neomedievale Villa Ricci al Montevecchio. Commissionata da Carlo Ricci all’ingegner Cecilio Arpesani, viene terminata nel 1898. Circondata da un vasto e verde parco, dal 1982 è centro di incontri e di attività culturali.

Nel Cimitero di Samarate vi è anche il pregevole Mausoleo Ricci, costruito nel 1916 dall’architetto Crespi Balbi.

Villa Guicciardi poi Castelli del 1907 è un isolato, ma esemplare, gioiello in stile Liberty.

Degno di nota anche il Palazzo Comunale datato 1936 in puro stile littorio ancora oggi sede di parte degli uffici comunali e Casa Mauri anch’essa costruita agli inizi degli anni ’30 dalla Gioventù Italiana del Littorio e, dopo svariati utilizzi, oggi sede della Stazione dei Carabinieri di Samarate.

 
 
 
Eventi del mese

Non ci sono eventi nel mese corrente

Video in primo piano
Per visualizzare questo contenuto devi attivare Javascript sul tuo browser oppure scaricare Flash Player 9+
Eventi in foto
Argomenti in vetrina
Samarate Oggi

 
Meteo

sabato 22 gennaio 2022
 
5°C | 16°C
Condizioni Correnti:   Sereno
Umidità:  66%
Visibilità:  9.99Km
Vento:  3.22Km/h
Alba:   6:18 am
Tramonto:   6:41 pm
 
 
Torna all'inizio